Ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. più informazioni

centro.... ai tempi di tangentopoli

L'avvento di tangentopoli colpisce anche la situazione politica ternana la cui precarietà influisce fortemente sulle attività del Progetto che subiscono un drastico arresto per mancanza di finanziamenti. I laboratori non possono essere attivati se non per le singole iniziative, che con caparbietà e “nonostante tutto” vengono realizzate dagli operatori con l’aiuto di ragazzi che negli anni precedente avevano frequentato i laboratori e sono diventati parte integrante ed attiva della struttura organizzativa.

Immigrazione-emigrazione e l'analisi del razzismo continuano essere i temi programmatici per le poche attività realizzate nel triennio 1993-1996.

Inizia l’indagine su una forma di intolleranza e di razzismo tra le più aberranti e forse mai sopita, l'antisemitismo. Vengono prodotte trasmissioni televisive sulla storia dell'antisemitismo e per il teatro la rivisitazione della vita dei giovani nel Ghetto di Varsavia.

Questo spettacolo, che impegna i migliori allievi dei laboratori degli anni passati, segna l'inizio delle attività del CENTRO PER I DIRITTI UMANI che nasce dalle esperienze culturali e teatrali ormai storiche dell'Associazione e che si occuperà di ricerca e della produzione di spettacoli teatrali ed audiovisivi a livello professionale sul tema dei Diritti Umani, accanto all'ormai collaudato PROGETTO MANDELA che continuerà ad occuparsi, con le metodologie sperimentate in passato, dello specifico culturale rispetto al mondo dei giovani e della scuola.

La ricerca sulla nostra storia di emigrazione a confronto con l'immigrazione degli ultimi anni nel nostro paese, continua con la stesura del radiodramma a puntate sulla vicenda di Sacco e Vanzetti, i due emigranti anarchici italiani condannati a morte e uccisi negli Stati Uniti nel 1927.

Vengono organizzate 2 mostre fotografiche di Claudio Gretter e di Sebastiana Papa e "La menzogna della razza", documenti e immagini del razzismo e dell'antisemitismo fascista, a cura della Sovvrintendenza ai Beni Librari di Bologna, con un ciclo di film e documentari storici sul fascismo e la teoria della razza.

 

 

Sono un ebreo. Ma non ha occhi un ebreo? Non ha un ebreo mani, organi, membra, sensi, affetti, passioni? Non si nutre degli stessi cibi, non è ferito dalle stesse armi, non è soggetto alle stesse malattie, non si cura con gli stessi rimedi, non è riscaldato e agghiacciato dallo stesso inverno e dalla stessa estate come lo è un cristiano? Se ci pungete, non facciamo sangue? Se ci fate il solletico, non ridiamo? Se ci avvelenate, non moriamo? E se ci oltraggiate, non dobbiamo vendicarci? Se siamo simili a voi in tutto il rimanente, vogliamo rassomigliarvi anche in questo.

W. Shakespeare

Attività 1993/1996

Laboratori:

Drammaturgia e Regia

Scenografia e Costumi

Recitazione

Video

Musica

Danza

Coordinatori: 7

Partecipanti: 60 Età da 16 a 28

Spettacoli prodotti:

“PITCHIPOI-Storie dal Ghetto di Varsavia”

Debutto: Teatro Verdi  5 maggio 1995

Repliche: 3

Totale Spettatori: 1.800

Mostre: 

"Tornerà la tua infanzia e giocheremo " "I bambini della Shoa " 

fotografie di Sebastiana Papa

"Fotografia In Teatro" di Claudio Gretter

"La Menzogna Della Razza" 

documenti e immagini del razzismo e dell'antisemitismo fascisti          

Mostra Prodotta Dalla Regione Emilia Romagna In Collaborazione Con La Soprintendenza Per I Beni Librari E Documentari 

Visitatori 4.000

Trasmissioni  radio: 

“Allarm siam razzisti” 10 trasmissioni su Radio Galileo

Trasmissioni televisive:

“Allarmi siam razzisti”  11 trasmissioni da un ora su Telegalileo

Consulenze: per le drammatizzazioni delle scuole elementari, medie e  medie superiori

Interazione con i programmi curricolari del mattino: 

Adozioni di testi.

Collaborazioni:

Comune di Terni

Provincia di Terni

Regione dell'Umbria

Provveditorato agli Studi di Terni

Distretto Scolastico Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Consiglio d' Europa

Soprintendenza per I Beni Librari e Documentari di Bologna